La spongarda

Crema

Home > Da Gustare > > I sapori > Gusto e tradizione > La spongarda
La spongarda

Dolce tipico cremasco.
 

Ingredienti

 
Per la pasta: farina 00 gr.500, burro gr. 150, zucchero gr. 100, 2 tuorli d'uovo e uno intero, vino bianco secco, zucchero a velo.
 
Per il ripieno: 100 gr di ogni qualità di: nocciole, noci, pinoli, uvetta sultanina, mandorle, cedro candito, arancia candita, 5 gr. di cannella in polvere, 400 gr. di miele, 300 gr. di marmellata di albicocche, 200 gr. di pane biscottato e grattugiato, 3 mele ranette, una noce moscata grattugiata, cognac, olio, sale pepe.
 

Preparazione


Ammolliamo l'uvetta in acqua calda e grattugiamo finemente il pane biscottato, tritiamo le mandorle, le nocciole, le noci, tagliamo a fettine sottili l'arancia e il cedro In una casseruola mettiamo il miele e 100 gr. di vino bianco secco, 50 gr. di acqua e facciamo bollire per 5 minuti insieme alla marmellata di albicocche. Abbassiamo il fuoco e uniamo il pane, le mele tagliate a pezzettini, la noce moscata grattugiata, la cannella, un pizzico di pepe, tutta la frutta secca e candita l'uvetta asciugata, il cognac, e mescoliamo tutto perbene. Lasciamo riposare il ripieno in una zuppiera coperta per 24 ore non in frigo. Prepariamo la pasta setacciando la farina uniamo lo zucchero, un pizzico di sale, una cucchiaiata di olio, il burro la buccia del limone,un pò di vino bianco i tuorli e l'uovo intero. Lavoriamo finchè risulta liscio formare una palla. Ora avvolgiamola nella pellicola e lasciamola in frigo per un'oretta. Stendiamo con il mattarello la pasta alta 3 mm. in due tondi larghi 25/30 cm. di diametro. livelliamo sul tondo l'impasto, e pieghiamo la pasta chiudendo il ripieno all'interno. Bucherelliamo con un grosso ago la superfice (devono essere molti) o con una pinza piatta, e con la mano stendiamo sulla superfice pochissimo olio. Lasciamo riposare per altre 24 ore, inforniamo a 190° gradi per 20 minuti. Lasciamo raffreddare e spolveriamo con zucchero a velo.
 
La spongarda è un dolce che si conserva a lungo se abbiamo l'accortezza di avvolgerla in carta stagnola e riposta in un luogo fresco.
Fate delle porzioni piccole, il ripieno della spongarda è ipercalorico in modo particolare.