Pasta “conscia” o “voncia”

Home > Da Gustare > > I sapori > Gusto e tradizione > Pasta “conscia” o “voncia”
Pasta  “conscia” o “voncia”

A Trezzo sull’Adda si incontrano sapori antichi che raccontano tempi lontani e terre di frontiere, di popoli di passaggio e di influenze profonde: questa città ha, di volta in volta, assimilato e rielaborato, anche a tavola, culture diverse da quella celtica, romana, longobarda, …

 

Ingredienti

per la pasta: farina, acqua e sale.

per il condimento: lardo q.b., 1 cipolla, ciccioli (gratum) q.b.

 

Preparazione

Disporre la farina a fontana e iniziare a versare un po’ d’acqua nella cavità centrale. Quindi iniziare a impastare con la punta delle dita. Continuare a versare acqua fino a che sarà assorbita tutta dalla farina. Solitamente 300 ml d’acqua sono la giusta quantità ma dipende dalla capacità d’assorbimento della farina per cui versatela pian piano. Continuate a lavorate energicamente fino a formare un panetto sodo e omogeneo, quindi coprite la pasta con un canovaccio e fatela riposare per circa 30 minuti. Stendere la pasta e tagliatela in rettangoli simil 'lasagna'. Portate ad ebollizione l’acqua, salate e cuocete la pasta per circa 7/8 minuti.

Nel frattempo fate cuocere il lardo con la cipolla (la cipolla serve solo per dare sapore, alla fine della cottura deve essere tolta).  Scolate la pasta e condite con il lardo cotto i pomodorini e i ciccioli o gratum